Login

Non Sei Registrato ? Procedi alla Registrazione oppure Inserisci Nome Utente e Password

or

Signup for free

Use Facebook or an email

or
By signing up you agree to the Terms & Conditions and Privacy & Policy

Reset password

Enter email to reset password

Already have account? Login
Dont have account? Signup
×

Ricerca Artista

Vignola Iris

Vignola Iris

Scrittori

Genere

Poeti


Professione

AUTRICE DI UNA TRILOGIA FANTASY, FIABE E POESIE


Contatti Principali

irisvignola@yahoo.it


Studio

Via -------, ----- La Spezia (SP)


Segui Artista


| Casa Editrice IRDA EDIZIONI


Si dice che spesso la poesia catturi quella cosa indescrivibile ed impalpabile che sta dietro ogni
sentimento, ogni forma di coscienza che nel bene e nel male influenza l’uomo.
Ebbene, credo proprio che la poesia non avrebbe motivo di esistere e di alimentarsi se non fosse
legata alla vita, perché i poeti quando scrivono traducono qualcosa che li ha scossi nel profondo,
qualcosa che ha vibrato nello stomaco facendo accelerare il battito del cuore, e ciò si traspone in
esperienza essenziale, vitale e primordiale.
Non esiste poeta che non abbia messo passione nelle sue creazioni, non esiste poeta che non si sia
mai spinto oltre ogni limite per andare a scovare la verità nei meandri dell’anima.
Di conseguenza se la poesia porta a questo, se riesce a raggiungere realmente i lati più nascosti del
poeta è realmente essenziale e terapeutica, perché, nell’epoca del capitalismo, essa riesce a riportare
l’uomo alle origini, riscoprendo quella radice dormiente che necessita di essere svegliata,
riagguantata per riportare le cose in ordine sia dal punto di vista morale che da quello sociale.
Questa è ciò che poi viene identificata col termine di evoluzione, una costante nell’uomo che cerca
sempre di riscoprire la verità anche quando sembra che tutto vada per il verso giusto.
Questa affermazione è riscontrabile nei versi della poetessa Iris Vignola.
L’autrice nell’opera tende a staccarsi da quella forma sociale di finto perbenismo per ricercare la
verità, quella verità sfuggente, sempre pronta a ritirarsi per non mischiarsi al nichilismo dei nostri
giorni e alla menzogna dei falsi miti.
Da qui vien fuori, in maniera decisa, tutta quella sensibilità che è dell’autrice, vien fuori quella
voglia di spaccare in due il mondo; da un lato vi è l’esaltazione dell’umanesimo che è linfa vitale
per la poetessa, simbolo di totale coscienza e quindi universalismo.
Dall’altro lato rimane la strampalata immagine della globalizzazione che evoca la
tecnologia e il cemento distruggendo la realtà, inneggiando al potere e ai soldi.
Così Iris sceglie e si allontana da quel mondo effimero, illusionista per riscoprire la pace, la
tolleranza, l’essenza della primordialità.
E lo fa con coscienza, con efficacia, rendendo il cuore puro davanti alla vita. Riesce ad essere
poesia nella poesia e amore immenso e totale che si spande sul foglio come una
benedizione.
È in quel momento che la poetessa diviene tale e si libera del dolore, si libera dei fili che la legano
al mondo materiale e si lascia andare con il vento della passione verso quel luogo mistico e
sconosciuto ai tanti in cui risiede l’amore vero, quello che cambia la vita, che non detta regole ma
che rende eterna l’anima e la verità.
Francesco Luca Santo

OPERE E LAVORI SIMILI ESEGUITI DAI VARI ARTISTI ISCRITTI AL SERVIZIO "STESSA TECNICA/GENERE" .. .